La storia di Sara

30.04.2016 #Idomeni

A Idomeni ci sono tantissimi bambini, è una gioia giocare con loro: hanno sempre tempo libero, non devono andare a scuola, al massimo devono fare la fila per avere qualcosa da mangiare. Rincorrono i volontari, gli unici che possono comprare liberamente e distribuire. I bambini di Idomeni hanno un programma per ogni giornata, conoscono le attività e i momenti di ogni associazione. Quando passi tra le tende ti gridano ”hallo my friend!” E poi ti seguono con un sorriso ma anche correndo. I loro occhi hanno visto le bombe e le case distrutte. Vedono ogni giorno i genitori lamentarsi delle loro condizioni. Ormai sanno l’inglese e quali sono le maggiori differenze culturali tra europei e siriani e afghani e iraqeni e iraniani.

Sara